ORARI: lunedì, mercoledì e giovedì
dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 16:00 alle 18:00

News

Le macchine da guerra che strangolano l’Africa
Le macchine da guerra che strangolano l’Africa

Il 4 ottobre 2017 un gruppo di soldati statunitensi stava tornando alla sua base operativa in Niger dopo aver terminato una missione di ricognizione nel villaggio di Tongo Tongo, vicino al confine con il Mali. Il capo degli stati maggiori riuniti statunitensi, il generale Joseph Dunford, ha dichiarato che cinquanta miliziani del gruppo Stato islamico (Is) hanno teso un’imboscata al contingente. Per la prima ora i soldati non hanno chiesto l’appoggio dell’aviazione, convinti di poter gestire l’attacco. Quando i droni sono finalmente arrivati, insieme a un aereo francese, i miliziani dell’Is si erano già allontanati.

Il villaggio di Tongo Tongo è al centro di una zona cruciale per i commerci illegali nel Sahara. A ovest di Tongo Tongo c’è Gao (Mali) mentre a est c’è Agadez (Niger), ovvero i due principali centri di smistamento della cocaina che arriva dal Sudamerica a bordo di aeromobili di diverso tipo (questo traffico è chiamato Air Cocaine), e che viene trasportata attraverso il deserto del Sahara su camion e infine caricata a bordo di piccole imbarcazioni per raggiungere l’Europa. I segni del commercio di cocaina sono ovunque, dal quartiere di Gao chiamato Cocaina Bougou al soprannome di uno dei capi delle bande criminali di Agadez, Cherif Ould Abidine, detto Mister Cocaina. (..)

 

link alla notizia completa: https://www.internazionale.it/opinione/vijay-prashad/2017/10/31/sahel-trafficanti-militari-stati-uniti

Ti è piaciuta questa news?

Condividila sul tuo social preferito :)