ORARI: lunedì, mercoledì e giovedì
dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 16:00 alle 18:00

News

Bonus asilo nido
Bonus asilo nido

Bonus asilo nido: ecco i requisiti necessari per averlo anche per gli immigrati

In questi tempi, più che mai, aver un figlio è facile, ma farlo crescere nelle buone condizioni non è facile per tutti. Ecco il motivo per cui il governo ha deciso di aiutare le famiglie che hanno uno o più figli, specialmente per poter permettere a questi figli di frequentare l’asilo nido. In questo piccolo articolo, vedremo i vantaggi di iscrivere il proprio figlio all’asilo e come bisogna fare per aver il bonus asilo nido insieme ai requisiti che bisogna avere.

I vantaggi d’iscrivere i figli all’asilo nido in breve

  • Per i bambini: La frequentazione d’un asilo è una grande opportunità per ogni bambina o bambino di continuare il suo percorso di scoperta delle nuove cose che aiutano nello sviluppo, non solo psicofisico, ma anche sociale ed intellettuale. L’asilo nido è uno dei primi elementi che favoriscono l’integrazione nella società italiana in cui dovranno vivere anche da grandi.
  • Per i genitori: attualmente per vivere in Italia uno stipendio d’una persona non è più sufficiente per fare vivere tutta la famiglia, specialmente se ci sono anche dei figli. L’economia familiare sta nelle buone condizioni se tutti e due genitori lavorano. Ecco il motivo per cui è molto importante iscrivere i figli all’asilo nido per essere disponibile a svolgere attività lavorative sia in autonomia o da dipendente. Ricordiamo che tutti coloro che hanno un permesso di soggiorno per motivi familiari possono lavorare senza dovere fare la conversione del loro permesso di soggiorno.

Cos’è il bonus asilo nido e chi lo può chiedere? 

La legge di bilancio 2017 ha previsto che ci siano agevolazioni per la frequenza di asili nido pubblici e privati. Quest’agevolazione porta il nome di bonus asilo nido. L’importo di questo bonus è stimato a 1000 euro all’anno e potrà essere erogato in 11 rate di 91 euro al mese.

Annuncio:

Possono presentare la domanda, dal 17 luglio 2017 fino al 31 dicembre 2017, tutte le famiglie italiane o comunitarie con uno o più figli nati o adottati dal 01 gennaio 2016, residenti in Italia. Questo contributo può essere erogato anche in forma di supporto alle famiglie con uno o più figli al di sotto di 3 anni affetti da disabilità gravi in casa propria. In questo caso bisogna riprodurre tutta la documentazione necessaria per certificare questa situazione. Per questo primo anno, sono previsti 144 milioni di euro. Quando questi soldi saranno esauriti, nessuna altra domanda sarà più accettata.

I requisiti necessari per aver il bonus asilo per gli immigrati

I cittadini stranieri con i figli nati dal 01 gennaio 2016, possono accedere a questo bonus:

Modalità di presentare la domanda per il bonus asilo nido

Ci sono 3 modi per fare la richiesta per aver agevolazioni o aiuti per la frequentazione dell’asilo nido dei figli o supporto in casa per un eventuale figlio con disabilità:

  • Tramite internet (WEB):  Si può utilizzare i servizi telematici accessibili direttamente dal cittadino attraverso il sito dell’INPS, usando il dispositivo PIN per accedere al Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID) o Carta Nazionale dei Servizi (CNS).
  • Contact Center Integrato: Bisogna chiamare al numero verde 803.164. Questo numero è gratuito dal telefono fisso. Si può anche chiamare il numero 06164.164 usando un telefono mobile o cellulare al costo fissato dal proprio gestore di telefonia. Quindi, la telefonata non è gratuita.
  • Enti di Patronato: chi non può usare i servizi elencati qui sopra può farsi assistere dal patronato più vicino. Normalmente i servizi patronali sono gratuiti. 

Infine, se ci sono dei dubbi o bisogno di chiarimento, non esitare di contattarci o di contattare l’ufficio INPS più vicino per sapere come fare la richiesta per aver il bonus asilo nido per i propri figli. Condividete quest’informazione con i vostri amici che hanno uno o più figli per che non perdano quest’opportunità di aiuto.

Servizio News di permessodisoggiorno.org

Fonte: INPS

Ti è piaciuta questa news?

Condividila sul tuo social preferito :)